News

E´ sicuro mangiare i frutti mare crudi?

E´ sicuro mangiare i frutti mare crudi?

22 Agosto 2017

E' sicuro mangiare i frutti di mare crudi? Molte persone amano, magiare questi alimenti crudi e per disinfettarli utilizzano il limone, ma anche se questo ingrediente svolge una potente azione disinfettante, purtroppo non è in grado di uccidere i pericolosi virus e i batteri, che si possono nascondere nei frutti di mare.

In base a quanto accennato nelle righe precedenti, mangiare i frutti di mare (vongole, cozze, telline, ostriche ed altri) non è sicuro, perché i molluschi filtrano molta acqua salata e nei loro tessuti, si possono nascondere molti germi e microrganismi. Questi pericolosissimi virus e batteri presenti nei frutti di mare possono dare origine a diverse malattie come le salmonelle, i vibrioni come quello del colera e l'epatite A.

Il consiglio è di non mangiare i frutti di mare crudi e, soprattutto quando non si conosce l'esatta provenienza, per una maggiore sicurezza è meglio cuocere questi alimenti ad una temperatura superiore agli 80 gradi per almeno 2 minuti, perché i batteri e i virus, sono sensibili alle temperature calde e quindi vengono uccisi.

Per dubbi, incertezze e domande, non esitate a venire nella nostra farmacia, perché saremo lieti di sciogliere ogni vostra perplessità su questo "argomento".

L´acidità di stomaco, un malessere fequente

L´acidità di stomaco, un malessere fequente

21 Agosto 2017

L'acidità di stomaco è un disturbo molto frequente e può colpire indifferentemente gli uomini e le donne di tutte le età. La maggior parte delle volte, compare in modo occasionale e viene associata al consumo di pasti eccessivamente abbondanti, oppure ad un tipo di alimenti che incidono, stimolando i succhi gastrici. Gli alimenti, che provocano questo malessere sono quelli che contengono un'elevata quantità di grassi, i cibi molto salati, in più anche il piccante, le spezie, il caffè e le bevande alcoliche, accentuano notevolmente questo problema.

I prodotti indicati, per trattare questo disagio sono quelli effervescenti, che vengono sciolti in un bicchiere d'acqua o una valida alternativa, per contrastare l'acidità gastrica è quello di assumere una soluzione antiacido "leggera" a base di citrato o bicarbonato. Quando il problema, si presenta con una certa frequenza e inoltre, compaiono crampi, nausea, gonfiore addominale e senso di vomito è consigliabile approfondire il discorso e la situazione, effettuando controlli specifici, per capirne la natura.

Se l'acidità di stomaco, sfortunatamente accompagna le vostre giornate, venendo nella nostra farmacia otterrete un aiuto e qualche informazione in più, mirata ad attenuare il disturbo.

Gli antibiotici hanno un effetto negativo sulla pillola anticoncezionale?

Gli antibiotici hanno un effetto negativo sulla pillola anticoncezionale?

20 Agosto 2017

Gli antibiotici sono dei composti, che impediscono lo sviluppo di batteri e combattono la formazione di infezioni di diversa natura a sfavore dell'organismo. La pillola anticoncezionale invece è un farmaco, che evita il concepimento e protegge la donna da gravidanze indesiderate.

Gli antibiotici possono, in qualche modo, interferire negativamente sulla protezione della pillola anticoncezionale? In modo molto semplice, cerchiamo di fare chiarezza su questo argomento. Dovete sapere, che per una serie di antibiotici è stato evidenziato e dimostrato, che influenzano negativamente l'effetto della pillola anticoncezionale. I più conosciuti sono la rifampicina, la rifabutina e la griseofulvina. Un'altra categoria di farmaci, che può avere un effetto negativo sulla sicurezza dell'attività della pillola anticoncezionale sono altri antimicrobici come le penicilline, le cefalosporine, le tetracicline e i chinolonici. Durante una cura antibiotica è molto importante leggere il foglio illustrativo e nel caso su questo siano riportate ed elencate controindicazioni con l'utilizzo di antibiotici è bene sostituirla momentaneamente con un'altra, oppure scegliere un metodo anticoncezionale alternativo.

Per qualsiasi dubbio, il consiglio è quello di rivolgervi al vostro ginecologo e per una maggiore chiarezza, nella nostra farmacia vi aiuteremo a valutare la situazione e scegliere la precauzione migliore.

Pressione bassa: che cosa fare?

Pressione bassa: che cosa fare?

19 Agosto 2017

La pressione bassa è una condizione dove i valori pressori (valori della pressione) stando a riposo, risultano essere inferiori alla norma. Questa patologia, durante i mesi estivi può subire un lieve peggioramento e aumentare i sintomi già presenti. Infatti, quando il caldo diventa intenso, i disturbi come la stanchezza, il pallore, le vertigini, i capogiri, l'annebbiamento della vista, il senso di svenimento, la confusione e i brividi di freddo, purtroppo possono prendere il sopravvento.

Che cosa fare in caso di pressione bassa o ipotensione? Prima di tutto è importante bere, in modo regolare durante l'arco dell'intera giornata e non solo quando si sente il bisogno. Da non sottovalutare l'apporto di sali minerali come il magnesio e il potassio, perché questi "elementi" sono indispensabili, per mantenere il nostro organismo in salute. Inoltre, bere bevande come il caffè e il tè e mangiare alimenti come il cioccolato extra fondente e la liquirizia, sono un valido aiuto per tirare su la pressione bassa. Praticare un pò di attività fisica, migliora la circolazione del sangue. Per normalizzarla, si possono anche assumere compresse a base di Ribes nigrum.

Nel caso i sintomi diventino persistenti è bene, affrontare l'argomento con il proprio medico, oppure potete esporre il problema parlandone con il nostro personale farmaceutico.

Quali sono i rischi di fare un piercing?

Quali sono i rischi di fare un piercing?

18 Agosto 2017

Il piercing, ormai sembra essere diventato una moda, una tendenza e molti giovani e diciamo, che anche persone appartenenti a tutte le età, non resistono alla voglia di sfoggiarlo in una parte del corpo, dove sia più o meno visibile. Non abbiamo nulla in contrario, perché ognuno è libero di fare le proprio scelte in base ai propri gusti e al proprio stile di vita, ma quando si decide di farsi un piercing, bisogna prestare attenzione ai possibili rischi.

Dovete sapere, che i rischi e i possibili inconvenienti associati al piercing, variano in base alla zona del corpo dove lo si vuole applicare e sono legati in modo determinante, soprattutto all'esperienza e all'abilità di chi effettua questo delicato "intervento". Il rischio maggiore è quello di essere vittime di infezioni di natura più o meno grave come la micosi cutanea o l'epatite virale. Avete deciso di farvi un piercing? Benissimo, il nostro consiglio è quello di rivolgervi, a dei seri professionisti specializzati e che operano in centri a norma di igiene.

Dopo esservi fatti il piercing è importante disinfettare, utilizzando un tipo di sapone antibatterico. Mentre, in sostituzione potete usare l'acqua e il sale, ma l'arrossamento deve essere leggero e non deve essere presente una secrezione di pus. In questo specifico caso, nella nostra farmacia, troverete delle valide risposte e un sostegno maggiore alle vostre domande.

L´estate interferisce sulla salute delle gambe

L´estate interferisce sulla salute delle gambe

17 Agosto 2017

La stagione estiva interferisce sulla salute delle gambe, perché quando il caldo diventa intenso i vasi sanguigni si dilatano. Infatti, la dilatazione dei vasi provoca nelle gambe un fastidioso senso di gonfiore e pesantezza.

Per combattere questo problema, una valida soluzione è utilizzare le creme a base di ippocastano, centella asiatica, ginkgo biloba e prodotti ricchi di flavonoidi (antiossidanti). Per un maggior sollievo, la crema da applicare sulle gambe, la potete conservare in frigorifero. Questi estratti aiutano le pareti dei vasi sanguigni a rimanere in salute e favoriscono il recupero dei liquidi da parte del sistema linfatico.

Altre soluzioni, che aiutano a prevenire fastidi alle gambe sono evitare di esporsi al sole durante le ore troppo calde, non stare troppo seduti o troppo in piedi nella stessa posizione, ma preferire delle camminate a passi veloci. E' fondamentale evitare alimenti troppo salati, bere regolarmente e fare docce, alternando acqua tiepida e fredda e cercare di dormire, possibilmente con le gambe sollevate. In più, per le donne è bene evitare d'indossare tacchi eccessivamente alti.

Per ulteriori domande e consigli, non esitate a visitare la nostra farmacia.

Come si cura l´eritema solare?

Come si cura l´eritema solare?

16 Agosto 2017

L'eritema solare, purtroppo è un problema che si forma sulla pelle del corpo o del viso, in mancanza della giusta protezione dai raggi solari. Questa infiammazione, infatti è causata maggiormente dai raggi UVB e per evitare la comparsa, di questo spiacevole fastidio è importante proteggere la pelle con i giusti filtri solari (protezione dai raggi UVB e i raggi UVA) e nelle ore più calde, stare lontani dal sole. La protezione solare, deve essere scelta in base al proprio fototipo di pelle e deve essere applicata regolarmente, durante l'esposizione al sole.

Per calmare e attenuare l'eritema solare bisogna idratare la pelle e applicare prodotti specifici, che siano ricchi di principi lenitivi e decongestionanti, che agiscano favorendo la rigenerazione della parte lesionata. I prodotti, più adatti per curare questo problema sono le emulsioni, le schiume e gli spray, perché si assorbono facilmente, non vanno massaggiate e in questo modo, si evita di strofinare la zona irritata dove compare l'eritema. Inoltre, se il dolore è insopportabile, si possono applicare molto delicatamente degli impacchi freddi utilizzando il ghiaccio, avvolgendolo in un panno soffice e di cotone.

Per consigli e prodotti specifici per trattare l'eritema solare, nella nostra farmacia, il nostro personale specializzato vi guiderà alla scelta più adatta alle vostre esigenze, per calmare il problema.

Come rafforzare il sistema immunitario

Come rafforzare il sistema immunitario

15 Agosto 2017

Alla base di una buona salute fisica e mentale, ci deve essere un sistema immunitario forte e protetto. Il sistema immunitario è l'insieme di importanti meccanismi, che sono indispensabili per proteggere il nostro organismo dagli attacchi di batteri, virus e sostanze dannose. Per rafforzare le difese immunitarie, il primo passo importante è scegliere un'alimentazione sana ed equilibrata, dove non ci sia mai carenza di frutta e verdura. Questi alimenti, infatti grazie al loro elevato contenuto di vitamine come la A, la B, la C, la E e il Beta - Carotene, i sali minerali come il fosforo, il calcio, il ferro e gli antiossidanti come i polifenoli e i flavonoidi, permettono al nostro organismo di raffozzare il sistema immunitario.

Il nostro organismo, non è in grado di produrre da solo le vitamine e un grande aiuto, lo si può trovare negli integratori multivitaminici, assumendoli nei momenti del bisogno e nei periodi dell'anno quando ci si sente "molto affaticati". In più, per proteggere il sistema immunitario e renderlo più forte e protetto, esistono anche integratori a base di arginina, propoli, zinco, pappa reale e i fattori probiotici .

Per consigli e prodotti specifici, nella nostra farmacia troverete un personale pronto ad aiutarvi.

I buoni rimedi per eliminare i brufoli e l´acne

I buoni rimedi per eliminare i brufoli e l´acne

14 Agosto 2017

I brufoli e l'acne sono un disturbo estetico, che colpisce indifferentemente gli uomini e la donne. Molto spesso, in presenza di questo problema la zona del viso dove appare "la bollicina" o " le bollicine" può essere accompagnata dal dolore, dal prurito, dal bruciore, dall'arrossamento della pelle e in più, si può avvertire anche un senso di disagio, che aumenta stando a contatto con gli altri.

Esistono rimedi molto efficaci, per trattare i brufoli e l'acne, ma la prima accortezza più importante è quella di detergere l'area colpita lavandola, almeno 2 volte al giorno con acqua tiepida, applicare sul viso un tipo di sapone delicato, non aggressivo e, soprattutto asciugare tamponando la pelle, senza strofinarla con un morbido asciugamano in cotone. I trattamenti più indicati sono quelli base di perossido di benzoile (svolge una potente azione antibatterica), di acido salicilico o di zolfo e si possono trovare disponibili in lozioni, gel, creme e saponi, da applicare localmente, per attenuare e ridurre il problema. Questi preparati aiutano ad eliminare l'accumulo delle cellule morte e tengono sotto controllo, la produzione del grasso in eccesso. Durante l'applicazione di questi prodotti, bisogna prestare attenzione agli occhi e le labbra, ed evitarne l'utilizzo in presenza di ferite o irritazioni.

Per le forme più gravi e complicate è bene, consultare un dermatologo e per qualsiasi consiglio sui prodotti e i trattamenti specifici, potete rivolgervi all'esperienza del personale della nostra farmacia.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.